Gruppo di Volontariato
Amici di San Bernardo
“Viviamo la Comunità con Amicizia e Solidarietà” 2015
UNA MERAVIGLIOSA “MACCHINA” ALIMENTATA DALL’INGEGNO E DALLA PASSIONE DEI VOLONTARI Il   Presepe   meccanico   di   Manerba   taglia   il   traguardo   della   19esima   edizione,   quella   della   definitiva   maturità.   Un   traguardo   che,   come   sempre, rappresenta   per   noi   un   nuovo   punto   di   partenza,   ancora   più   stimolante   in   vista   del ventennale. Ne   ha   fatta   di   strada   questa   Natività,   ideata   dalla   passione   e   dall’ingegno   di   un   pugno di   volontari   che,   partiti   da   un   progetto   semplice,   alimentato   riciclando   vecchi   motori, sono arrivati ad allestire una complicatissima “macchina”, e in continuo sviluppo. Una   creazione   che   non   ha   mai   tradito   il   significato   originario   di   questa   tradizione, reinterpretando    il    passato    alla    luce    dell’attualità.    Un    presepe    che    non    è    ripetitiva consuetudine ma espressione di una sempre intensa partecipazione. Del   resto,   racconta   di   una   notte   di   stelle   e   di   pace,   perchè   Gesù   venne   alla   luce   con grande   umiltà,   in   una   capanna,   circondato   dai   pastori,   in   un   ambiente   che   viene   sempre ridisegnato con mano artigianale e artistica nel cuore della Valtenesi. Gli   Amici   di   San   Bernardo   hanno   come   sempre   reinterpretato   la   scena   della   Natività, arricchendola   di   nuovi   quadri   e   di   nuovi   personaggi   in   movimento,   ma   senza   far   venire meno   il   valore   profondo   del   presepio,   che   è   quello   di   rievocare   l’evento   più   significativo della   nostra   fede:   Cristo   che   si   è   fatto   uomo.   Un   simbolo   mediterraneo,   il   presepe,   dal profondo significato culturale,   diverso   dall’albero   di   Natale,   simbolo   della   vita   ma   di   origine   nordica,   pagana,   e   divenuto   soprattutto   espressione   della   società consumistica.   Non   a   caso   è   sempre   collegato   al   regalo,   anzi   allo   scambio   del   regalo.   Il   presepio   no.   Esso   racconta   l’umiltà   di   un   mondo   fatto   di pastori   e   di   contadini   che   non   hanno   regali   luccicanti   da   offrire   ma   solo   il   dono   della   loro   partecipazione   a   un   evento   che,   per   il   Cristianesimo, ha cambiato il mondo. Nel presepio prevale la semplicità, il valore del dono che non è scambio ma condivisione. Presepio    fenomeno    culturale,    quindi,    reinterpretato    a    tutte    le latitudini, ma anche simbolo universale di comunità e fratellanza. La   nascita   di   Gesù   è   una   rappresentazione   ricca   di   allegorie   e   di simboli,   che   derivano   dal   Vangelo,   ma   che   hanno   sempre   lasciato spazio   alla   fantasia   dei   creatori.   Perchè   il   presepio   è   in   primo   luogo una   creazione   artistica,   rappresentazione   dinamica   e   non   simbolo.   E’ anche   un   rito   di   passaggio,   l’arrivo   di   una   nuova   vita   come   quello   di un     nuovo     anno.     Il     presepe     invita     a     riflettere     sul     mistero dell’incarnazione   di   Cristo,   attraverso   il   quale   è   possibile   comprendere il   vero   significato   del   Natale,   che   non   è   solo   scambio   di   auguri   o   di doni,    ma    è    rinnovamento    della    nostra    fede.    Questo    rimane    il significato più vero anche del Presepe meccanico di Manerba. Le novità proposte anche quest’anno sono numerose e significative. Come   nel   2014,   e   sulla   base   dei   positivi   riscontri   registrati,   l’apertura è   stata   anticipata   rispetto   al   Natale:   il   Presepe   meccanico   sarà   visibile già   sabato   19   dicembre,   accontentando   i   tanti   visitatori   e   allargando   i tempi   a   disposizione   del   pubblico.   La   Natività   è   stata   ulteriormente   allargata   e   la   sua   superficie   raggiunge      adesso   i   320   metri   quadrati.   Il percorso   all’interno   della   chiesa   è   stato   allungato   e   presenta   alcune   rappresentazioni   inedite.   In   primo   luogo   spicca   la   riproduzione   in miniatura di un ambiente artico, con igloo, pinguini, orsi, slitte, ovviamente tutto in movimento. Una   “licenza   poetica”   che   non   è   però   causale,   visto   che   nasce   dal   desiderio   di   rendere   sempre   più   universale   il   Presepe   meccanico,   che sembra non conoscere confini ed è in grado di allargare i suoi orizzonti ideali all’intero pianeta. Dall’universale   al   particolare:   la   seconda   novità   è   l’introduzione   di   una   cascina,   un   simbolo   molto   bresciano   ma   attentamente   calato   nello sfondo   del   presepe,   con   vari   movimenti   che   raccontano   la   vita   agreste:   il   contadino   che   ammucchia   il   fieno   sul   fienile,   la   contadina   che   munge la   mucca,   un   topolino   che   esce   dalla   sua   tana,   il   giovane   che   raccoglie   mele.   Si   arricchisce   quindi   la   rappresentazione   del   mondo   rurale,   che spazia dalle aride ondulazioni della Palestina alle verdi colline della Valtenesi. Naturalmente,   accanto   a   queste   aggiunte   mirate,   si   è   provveduto   alla   revisione   e   all’aggiornamento   di   tutti   gli   altri   movimenti:   per   esempio   le giostre,   una   delle   scene   di   più   recente   inserimento   nel   contesto,   sono   state   ingrandite   con   nuovi   effetti   che   non   mancheranno   di   incuriosire   i visitatori, che noi Amici di San Bernardo ci auguriamo sempre più numerosi. E’   il   pubblico,   è   l’interesse   e   la   sensibilità   del   pubblico,   che   ci   spinge   a   rinnovare   ogni   anno   questo   appuntamento,   che   è   diventato   un   punto fermo   del   Natale   gardesano,   che   ci   riempie   di   orgoglio   e   ci   spinge   a   lavorare   con   ancor   maggiore   energia   al   miglioramento   di   questo   Presepe meccanico.   Che   è   opera   collettiva,   frutto   della   fantasia   e   dell’abilità   di   persone,   che   hanno   iniziato   a   lavorare   quattro   mesi   prima   dell’estate nella progettazione e realizzazione delle novità, mentre il montaggio è iniziato lo scorso 4 settembre. Per   i   visitatori,   come   sempre,   non   mancherà   un   piccolo   ricordo,   oltre   al   classico   stand   con   vin   brulè   e   tè   caldo.   Un   modo   semplice   ma conviviale per ringraziare chi è disposto a mettersi in coda per ammirare il frutto del nostro impegno di volontari. Grazie di cuore a tutti! Il Presidente Amici di San Bernardo GRAZIE AI SOSTENITORI DEL PRESEPE Il   presepio   meccanico   di   Manerba   non   è   mai   stato   soltanto   il   bel   manufatto con   tante   statuine   e   tanti   meccanismi   ad   animarlo   che   nei   suoi   due   decenni ha   incantato   decine   di   migliaia   di   persone.   Quello   che   il   visitatore   vede   nella chiesa    di    San    Giovanni    è    piuttosto    il    punto    di    arrivo    di    una    trama    più “invisibile”   di   rapporti,   di   amicizie,   di   contatti,   di   collaborazioni,   di   iniziative collaterali   che   negli   anni   è   andata   crescendo   fino   a   dar   vita   ad   un   piccolo cosmo   capace   di   proiettare   la   propria   immagine   oltre   i   confini   dell’entroterra gardesano. Fondamentale   per   far   conoscere   e   per   valorizzare   la   nostra   iniziativa   è   la pubblicazione   che   ogni   anno   accompagna   la   realizzazione   del   presepio   e   con la   quale   vengono   fornite   al   visitatore   una   serie   di   informazioni,   utili   ma   anche curiose.   La   realizzazione   di   questa   pubblicazione   e   del   presepe   stesso   è   resa possibile   principalmente   per   la   generosità   di   alcune   decine   di   “sponsor”,   che noi   preferiamo,   alla   vecchia,   chiamare   ancora   “amici   sostenitori”   –   realtà economiche   delle   nostre   terre   entrati   a   far   parte   del   progetto   perché   coinvolti anzitutto      sul      piano      dell’amicizia.      Persone      che      hanno      dimostrato concretamente    di    apprezzare    l’impegno    degli    Amici    di    San    Bernardo sostenendo questa iniziativa natalizia. Citarli   uno   per   uno   come   meriterebbero,   richiederebbe,   ovviamente,   ben   altro spazio   ma   del   resto   la   loro   “firma”   la   si   trova,   ben   in   evidenza,   nelle   inserzioni   della   pubblicazione.   A   questi   “amici   sostenitori”   va   un   immenso grazie.   Con   la   speranza   naturalmente   di   poterli   avere   al   nostro   fianco   anche   nelle   prossime   edizioni   del   presepe   di   Manerba.   Per   continuare così,   tutti   insieme,   ad   offrire   sempre   con   grande   umiltà   ma   con   altrettanta   determinazione   una   bella   occasione   di   incontro   gioioso   a   chi   non   ha perso né vuole perdere il “senso del Natale” e della gratuità che esso da sempre porta con sé… Lo Staff IL MONTAGGIO IN CHIESA SAN GIOVANNI È INIZIATO IL 4 DI SETTEMBRE CON UN ORARIO DAL LUNEDI AL VENERDI 9-12 E 14-17 UN LAVORO DI MECCANICI, FALEGNAMI, ELETTRONICI MODELLISTI CHE INIZIA TANTI MESI PRIMA DI NATALE I Volontari dediti al confezionamento del presepe meccanico hanno iniziato i lavori molti mesi prima delle feste natalizie. Dopo   lo   smontaggio   del   manufatto   dello   scorso   anno   si   sono   messi   subito all’opera,   iniziando   i   primi   giorni   di   marzo,   per   la   costruzione   della   nuova fattoria   con   un   tempo   di   realizzazione   di   30   giorni.   Successivamente   i “tecnici”    hanno    proseguito    nella    costruzione    del    polo    nord;    una lavorazione   minuziosa   nella   ricerca   di   sofisticati   meccanismi   per   creare   i movimenti, veramente simili alla realtà. Il tempo per la realizzazione è stato di 40 giorni. Ultima   fase,   prima   dello   stacco   “forzato”,   è   stata   la   revisione   completa   di tutti i moduli andando ad integrare nuovi meccanismi e sistemare quelli   difettosi.   Come   detto   la   pausa   “forzata”   è   dettata   dal   fatto   che   i volontari   hanno   dovuto   cambiare   cantiere   ed   impegnarsi   nella   famosa   e tradizionale   Sagra   di   San   Bernardo   con   4   giorni   di   festa   impegnando   il gruppo   nelle   sua   organizzazione,   per   far   si   che   la   festa   riuscisse   al meglio.    Il   4   di   settembre   sono   iniziati   i   lavori   di   montaggio   in   chiesa   San   Giovanni,   con   cadenza   settimanale   dal   lunedi   al   venerdi   dalle   ore   9   alle   12   e dalle 14 alle 17, conclusi proprio alcuni giorni prima il Santo Natale. Il Presidente Amici di San Bernardo
Indietro Amici di San Bernardo - copyright 2013 Altri articoli